Il Benevento riscatta il ko dell’andata e ripaga con la stessa moneta il Pescara. Nel deserto del ‘Vigorito’ la capolista asfalta gli abruzzesi 4-0. Così Riccardo Improta, autore del poker sannita, in diretta telefonica con Ottochannel: “Il saluto ai tifosi nel dopo gara? E’ stato un modo per ricordarli. Sappiamo che erano vicini a noi come sempre, nonostante l’assenza forzata. Purtroppo questo non è calcio. Senza i tifosi sembrava una gara d’allenamento e questo poteva condizionare a livello mentale. Da parte nostra c’erano tanti stimoli, siamo stati bravi a restare concentrati e alla fine si è visto in campo”.

CORONAVIRUS – “C’è un po’ di apprensione da parte di tutti. Posso dire poco, martedì ci sarà questa riunione straordinaria e vediamo come si evolverà la situazione”.

SPIRITO – “Dimostriamo sempre il nostro valore, in qualsiasi circostanza. Oggi era una prova importante, siamo rimasti sul pezzo e ci siamo vendicati dopo quanto accaduto all’andata”.

RUOLO – “Preferisco stare in avanti per aiutare la squadra e fare la differenza, poi ce la metterò sempre tutta. Sono contento per il gol e per la vittoria”.