Mario Giuffredi, agente del difensore della Fiorentina e della Nazionale Cristiano Biraghi e di Vincent Laurini, è intervenuto a “Garrisca al Vento!”, la trasmissione curata da FirenzeViola.itin onda su RMC Sport. Queste le sue parole:

Sulla convocazione in Nazionale: “Ha il sapore di tutta la fatica fatta il campionato scorso. Cristiano ha lavorato bene ed è arrivata una convocazione che per lui è molto importante”.

Sulla trattativa con il Milan: “Biraghi è un giocatore che è sempre piaciuto a Gattuso. Avendo io ottimi rapporti con il Milan, nel caso Rodriguez fosse andato via Cristiano sarebbe stata la prima scelta di Gattuso. Visto che poi Rodriguez è rimasto non se n’è fatto più nulla, ma Biraghi è un giocatore che piace ai rossoneri”.

Sul mercato di gennaio: “Biraghi resterà alla Fiorentina fino almeno a giugno. Anche perché io non penso che sia giusto per un calciatore andare via da una bella e importante piazza come Firenze a gennaio. Poi bisogna dimostrare riconoscenza a Pioli: se Biraghi è cresciuto è anche e soprattutto grazie a lui e alla fiducia che gli ha dato. Cristiano è una vittoria mia e di Corvino, visto che in pochi credevano in lui quando arrivò in viola dal Pescara. Dobbiamo fare in modo tutti che resti a Firenze almeno fino a fine anno”.

Su Laurini: “L’anno scorso ha giocato bene e ha dimostrato di essere di sicuro affidamento. E’ normale che le dinamiche di una squadra a volte non siano prevedibili e l’esplosione di Milenkovic ha messo Vincent in seconda linea. Però il giocatore potrà tornare utile durante tutto il campionato. Ci sono state richieste da squadre come il Leganes, ma siccome aveva un problema con un infortunio non ci sono state le condizioni per salutare Firenze. Adesso vuole dare il suo apporto alla Fiorentina in questo campionato”.

Su Corvino: “Ci conosciamo da quando ero un ragazzino, è un grandissimo dirigente e fa ottimamente il suo lavoro. Grassi? A lui piaceva, ma il Napoli era un problema”.

Su Gabriel: “C’era la possibilità di portarlo in viola, ma con il passaggio di proprietà del Milan poi Corvino è virato su altri obiettivi. Gabriel è un portiere di grande caratura, avesse fatto parte della Fiorentina avrebbe lottato per il posto da titolare. Poi cosa sarebbe successo è difficile da dire”.

Su Chiesa: “Credo che la scelta di restare a Firenze sia stata quella migliore e più saggia per non bruciarsi subito. E’ destinato prima o poi ad andare via, negli interessi di tutti. E’ uno dei giocatori più forti in Europa ed è giusto che vada ad ambire a cifre importanti, così come anche la Fiorentina può incassare molto. Credo che a fine anno ci saranno le possibilità di un addio”.