A Radio Marte nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Mario Giuffredi, procuratore tra gli altri di Hysaj, Mario Rui e Di Lorenzo

“Di Lorenzo primo acquisto del Napoli? Ci sei andato molto vicino! Manca ancora qualche giorno e in tempi di mercato tutto può succedere. Concorrenza? Quando dico che nel calcio non si sa mai è perché ci sono tante squadre su Di Lorenzo e Corsi ha voluto un paio di giorni per riflettere bene. La scadenza però è vicina ed entro domani sera si deciderà tutto. Di Lorenzo anticiperà le visite mediche e se Corsi deciderà in maniera positiva, venerdì ci sarà anche la firma. Domani sarò ad Empoli a parlare col presidente, mentre in mattinata il ragazzo farà le visite mediche. 

Critiche premature? Di Lorenzo poteva andare nelle migliori squadre della serie A e non solo, perché è ambito anche a livello europeo. I tifosi sono tifosi e giustamente sognano il nome importante, noi addetti ai lavori invece dobbiamo guardare bene al valore dei calciatori. Di Lorenzo ha grande importanza. Ogni volta mi dico di non portare più i miei giocatori a Napoli, ma ogni anno ci ricasco perché tengo troppo alla squadra della mia città. Di Lorenzo è stato già in città e devo dire che i tifosi lo hanno accolto bene, lo letto ammirazione nei loro occhi e quindi non mi preoccupa il giudizio dei tifosi, ma a tutti gli altri dico calma, diamogli tempo e poi giudichiamo se Di Lorenzo è un giocatore da Napoli o meno. Ho sensazioni positive perché i tifosi hanno dato amore a Di Lorenzo, ma anche a Veretout quando lo portai a Napoli. Poi, delle critiche degli addetti ai lavori non mi preoccupo più di tanto perché spesso arrivano da persone che sopportano poco l’agente di Di Lorenzo, ossia io. Avremmo potuto avere di più da altre squadre, ma tra Empoli e Napoli c’è sintonia e da parte mia amore verso la mia città.

A campionato finito voglio dire la mia anche su Hysaj e Mario Rui. Per 3 anni Hysaj è stato il miglior terzino e l’ultimo anno di Sarri mi chiamò anche la Juve per prenderlo. E’ stato il calciatore a dire no perché voleva giocarsi lo scudetto a Napoli. Poi è vero, nell’ultimo anno ha avuto un calo, ma non è stato l’unico del Napoli ad aver avuto un calo. Non dico che è colpa di Ancelotti, ma è naturale con un gioco diverso alcuni azzurri siano calati, mi chiedo perché vengono attaccati solo Hysa e Rui. 

Il futuro di Mario Rui e Hysaj? L’intenzione è portarli via. Hysaj tra un anno va a a scadenza e la sua uscita è obbligatoria per non perderlo a parametro zero, ma ritengo sia anche giusto per il calciatore cambiare aria. L’atletico ha sempre chiesto informazioni su Hysaj, ma non c’è solo l’Atletico su di lui, ad esempio Paratici lo ha visto sempre bene e di certo andrà in un club importante. 

Mario Rui invece, credo che nei 2 anni di Napoli abbia fatto cose importanti, ma sono state sminuite e questa cosa mi fa male perché mi sarebbe piaciuto vederlo un altro anno a Napoli anche perché credo che il Napoli troverà un terzino più forte di Mario Rui. E’ gusto che cambi aria per quello che si è creato a livello ambientale intorno a lui, ma ripeto, mi fa male, ma andrà via. Le pretendenti non mancano: ci sono Roma, Milan, Torino su Mario Rui, ma anche all’estero è ben visto mentre il Benfica è il suo sogno. 

Veretout? Devo smentire quanto ho letto. La moglie è in vacanza in Sardegna e poi non le avrei mai fatto vedere la casa di Mario Rui perché ad oggi non ho la certezza che Mario Rui vada via. Non escludo che il Napoli possa prenderlo anche tenendo Allan. Il Napoli farà una squadra molto forte e c’è stato un cambio di strategia: ora si punta su calciatori già pronti e che conoscono la serie A. Si punta sulla qualità dell’organico e non escludo che Veretout possa far parte del centrocampo azzurro. Diverse squadre sono su Veretout, ma ragazzo è innamorato di Napoli e io se posso agevolare la squadra della mia città lo faccio molto volentieri. 

Grassi è stato molto fortunato, ma arriverà in Nazionale (come Di Lorenzo) e sarà il prossimo giocatore che venderemo davvero bene”.